Chi siamo

A 1400 metri, alle pendici meridionali della valle Maira, si trova in fondo alla strada forestale la località San Martino inferiore. Qui alcuni vecchi poderi vengono restaurati con cura e rinnovati per l’utilizzo nuovo cui sono destinati. Nei prati e nei terrazzi coltivati adiacenti vi sono tanti luoghi tranquilli adatti per rilassarsi e riposarsi. Molteplici mulattiere invitano a fare passeggiate, gite o escursioni in alta montagna. La parrocchiale di Elva, uno degli otto monumenti culturali di maggior interesse del Piemonte, la chiesa romanica San Peyre ed il medievale Ospedale di Caudano sono facilmente raggiungibili a piedi. Nelle vicinanze si trovano le cittadine Saluzzo e Cuneo, il famoso castello di Manta e la zona enogastronomica italiana più rinomata d’Italia: le Langhe.
San Martino è punto d’incontro tra città e campagna.

Il 7 marzo 2004, Andrea Schneider del Centro Culturale è deceduto all’età di 53 anni durante un soggiorno di cura a Allgäu. Insieme alla sua compagna Maria ha dedicato molto del suo tempo per una nuova vita nelle Alpi e per un turismo dolce nella Valle Maira. Maria Schneider gestisce l’attività a San Martino allo stesso modo di sempre.

Nel Novembre 2006 è stato consegnato a Maria e Andrea Schneider a Vaduz, nel Principato di Liechtenstein, il premio per la natura e l’ambiente “Kleine Binding-Preise für Natur- und Umweltschutz”.

Ristorante

La filosofia della cucina si basa sulla trasformazione dei prodotti locali. L’ insalata e le altre verdure provengono in gran parte dal nostro orto o dai piccoli produttori delle borgate circostanti, come il formaggio, che ci viene fornito dai numerosi caseifici vicini.
I celebri vini piemontesi vengono serviti in accompagnamento ad un menu di cinque portate. Pranzo e cena sono a ” menu fisso”. Oltre al menu proposto, c’è una scelta alternativa senza carne. Anche le intolleranze alimentari sono tenute in considerazione nella preparazione del nostro cibo.
Personale cordiale e competente vi consiglierà nella scelta dei vini per accompagnare la cena.
Il Ristorante della Borgata San Martino è aperto ogni sera dal 1 ° maggio al 31 ottobre.
A causa della posizione isolata e ai posti limitati, per cenare presso il nostro ristorante è necessaria la prenotazione, come anche per richiedere il servizio del pranzo.
Si organizzano degustazioni di vini e visite guidate nelle vicine Langhe.

Storia

Andrea e Maria Schneider arrivarono per la prima volta in Valle Maira 32 anni fa, accolti dai valligiani con le parole “voi siete i primi tedeschi che vediamo qui dopo la guerra…”

Questo tiepido benvenuto non ha però impedito ai due negli anni successivi di entrare profondamente in contatto con la gente del posto, conoscere le loro storie e la storia della valle, perseguendo sempre il loro sogno di sviluppare un turismo più consapevole, sostenibile e con una forte impronta naturalistica.

Nel corso degli anni, in collaborazione con i piccoli alberghi già esistenti, sono così riusciti ad attirare sempre più turisti stranieri in questa remota e sconosciuta valle piemontese. Da allora molte cose sono cambiate.

Andrea Schneider è scomparso nel 2004. Nel frattempo il Centro Culturale Borgata, grazie alla passione di Maria e dei propri dipendenti, è diventato una vera e propria istituzione, mantenendo sempre vivi i principi fondamentali che l’hanno ispirato: la filosofia dell’andatura lenta e consapevole, il muoversi in montagna senza mezzi di locomozione, il camminare prestando attenzione al proprio respiro e alla natura circostante.

È un’esperienza meravigliosa salire fino a 3000 metri di quota mantenendo il proprio ritmo di marcia e scoprirsi ad ogni passo un po’ più consapevoli delle proprie potenzialità, esperienza paragonabile solo alla gioia e l’orgoglio del bambino che riesce a fare i primi passi senza bisogno d’aiuto.

Il camminare lento in mezzo alla natura, la percezione variegata dei profumi dei fiori e delle erbe aromatiche, i giochi di luce del fogliame autunnale, il piacere di dissetarsi a una fonte di acqua dolce e cristallina, sono “beni di lusso” sempre più rari nella nostra vita quotidiana, ma dei quali possiamo godere pienamente se ci muoviamo con consapevolezza nella natura.

Intervista

Maria e Andrea Schneider: “Siamo stati fortunati”

Come fanno una donna di Colonia (Germania) e un uomo di Voralberg (Austria) ad entrare nella Maira Valley?

Andrea: Per caso. Durante un viaggio in Provenza sono andata di notte per errore in Valle Maira e la mattina mi sono ritrovata in una valle molto romantica. Era il 1978 o il 1979. Dopo di che siamo venuti qui diverse volte in vacanza. Indietro avevamo una boutique e importavamo abiti ricamati, gioielli d’argento e altre cose dall’Afghanistan. Originariamente vengo dalle montagne e ho sempre avuto il desiderio di tornare a vivere in montagna un giorno. A Firenze ho frequentato un corso di italiano e ho trascorso quasi tutto l’inverno 1981/82 nella valle per scoprire cosa si poteva fare lì. Poi ho avuto l’idea di una scuola di lingue perché ho incontrato alcuni insegnanti disoccupati durante la festa di carnevale a Prazzo. Non mi piaceva Firenze e pensavo che in montagna mancasse una scuola di lingue come quella.

Maria: Siamo stati incredibilmente fortunati. Era il periodo della..

(Fonte: Antipasti und Alte Wege. Valle Maira – Wandern im andern Piemont, 5.Auflage, 2004)

... continua a leggere

Maria e Andrea Schneider: “Siamo stati fortunati”

Come fanno una donna di Colonia (Germania) e un uomo di Voralberg (Austria) ad entrare nella Maira Valley?

Andrea: Per caso. Durante un viaggio in Provenza sono andata di notte per errore in Valle Maira e la mattina mi sono ritrovata in una valle molto romantica. Era il 1978 o il 1979. Dopo di che siamo venuti qui diverse volte in vacanza. Indietro avevamo una boutique e importavamo abiti ricamati, gioielli d’argento e altre cose dall’Afghanistan. Originariamente vengo dalle montagne e ho sempre avuto il desiderio di tornare a vivere in montagna un giorno. A Firenze ho frequentato un corso di italiano e ho trascorso quasi tutto l’inverno 1981/82 nella valle per scoprire cosa si poteva fare lì. Poi ho avuto l’idea di una scuola di lingue perché ho incontrato alcuni insegnanti disoccupati durante la festa di carnevale a Prazzo. Non mi piaceva Firenze e pensavo che in montagna mancasse una scuola di lingue come quella.

Maria: Siamo stati incredibilmente fortunati. Era il periodo della grande richiesta di scuole di lingue alternative. A causa di un solo piccolo annuncio sul giornale “taz” già otto o dieci persone vennero al nostro primo corso nel maggio 1982. All’inizio ho continuato a lavorare a Colonia per precauzione e ho fatto le prenotazioni. Andrea lavorava – con una conoscenza minima della lingua italiana – a Prazzo, insieme agli insegnanti e agli amici che aveva fatto lì. Un anno dopo lo seguii come moglie fedele.

Cosa pensava la gente di Prazzo?

Maria: Sono quasi morti dalle risate. Però pensavano che non poteva far male. Nell’albergo Impero abbiamo attrezzato tre aule: per i principianti, per gli studenti con qualche conoscenza dell’italiano e per quelli più avanzati. Il comune ci ha dato dei tavoli e delle sedie scartate e delle ardesie antiche. La mattina gli studenti sono stati istruiti in italiano da tre insegnanti e nel pomeriggio Andrea è andato a fare un’escursione con loro per mostrare loro la zona. Un anno dopo il comune ci ha offerto un appartamento a Prazzo Inferiore che abbiamo affittato e ristrutturato con cura. Quello divenne la nostra scuola; era nello stesso edificio in cui si trova il negozio. Andò tutto bene. La sorella del sindaco, disoccupata, insegnava nella nostra scuola. Più tardi affittammo un altro piano dove vivevamo.

Come ha reagito la gente ai “Tedeschi”, i tedeschi?

Andrea: Purtroppo sono sempre rimasto il “Tedesco” anche se sono austriaco… Anche noi turisti svizzeri abbiamo dovuto accettarlo.

Andrea: Considerando che eravamo i primi tedeschi della valle dalla seconda guerra mondiale, siamo stati trattati abbastanza bene. La popolazione locale aveva un rapporto poco chiaro con i partigiani, con i tedeschi e con i fascisti italiani. Il passato non è stato rimesso in discussione. Tuttavia, anche molti di coloro che hanno dovuto fare lavori forzati in Germania o i pochi sopravvissuti alla campagna di Russia non hanno un atteggiamento negativo nei confronti dei tedeschi. Sono sempre stati molto amichevoli con noi, almeno così è sempre sembrato.

Non siete mai stati biasimati per l’era nazista?

Maria: No. Mai. Ho imparato che qui si può parlare liberamente di questo argomento. Sia per convinzione che per cordialità si dice sempre: Voi siete un’altra generazione, non ne siete responsabili.

Andrea: Quelli con cui siamo entrati in contatto per primi, allora erano capisquadra, e quindi non erano così negativi nei nostri confronti, ma con gli altri non ne sono così sicuro.

Maria: Il motivo principale per cui siamo stati trattati in modo così positivo è stato che a causa della nostra scuola da Pasqua a novembre c’erano sempre turisti, per lo più persone simpatiche che si interessavano alla gente del posto. Prazzo con 60 abitanti è diventato subito il comune con il più alto tasso di alloggi per stranieri della provincia di Cuneo. La gente alloggiava in albergo, andava nei bar, faceva la spesa nel negozio e andava al distributore di benzina. La gente lasciava i soldi in valle. Se avessimo avuto le nostre infrastrutture sarebbe stato diverso.

Bene, questo significa che possiamo parlare di una storia di successo?

Andrea: Fondamentalmente sì. La cosa migliore è che la nostra scuola ha attirato persone molto interessate: persone politicamente interessate e/o alternative convinte che si sono interessate alla gente del posto e non hanno rubato le mele dagli alberi. La maggior parte di loro erano più gentili dei turisti italiani che venivano dalla pianura ai presunti contadini lassù. Avevamo anche molti studenti svizzeri; abbiamo collaborato con la SSR e questa è stata una grande fortuna per noi.

Avete avuto anche voi qualche delusione?

Maria: Alcuni miei coetanei erano gelosi. Ma saremmo potuti venire altrettanto facilmente da Torino. Erano semplicemente infastiditi dal fatto che qualcuno potesse venire, raccogliere qualcosa e vivere di questo, e creare comunque tre posti di lavoro per sette mesi all’anno. Era il gruppo politicamente organizzato nel MAO, Movimento autonomista occitano. Non è mai degenerato, ma abbiamo vissuto l’uno accanto all’altro. Avevamo pensato che potevamo anche fare amicizia. Ma non ha funzionato con persone della stessa età.

Andrea: La cosa è stata alleviata dalle feste scolastiche che si sono svolte nella scuola ogni due settimane al termine di un corso: con una discoteca fino alle tre o alle quattro e con donne tedesche e svizzere. Ci si poteva sfogare, è stato fantastico per tutti. È andata avanti così per sette anni. I nostri studenti hanno soggiornato o ai Cacciatori di Prazzo inferiore, all’Impero di Prazzo superiore o alla Marmotte di Acceglio.

Maria: C’è stata anche usura, discussioni con gli alberghi. Il cibo divenne sempre più semplice, improvvisamente le patatine fritte arrivarono nel piatto. Naturalmente è stata un’intrusione quando poi abbiamo detto, non si può cucinare in modo un po’ diverso? I conflitti tra gli ospiti e gli alberghi ci hanno sempre attraversato, abbiamo dovuto prenderci la colpa.

È per questo che è nato il Centro Culturale Borgata?

Andrea: No. Ho sempre voluto un Maiensäß, era il mio sogno fin dall’infanzia. Sono cresciuto nel Montafon, lì ce ne sono tantissimi. Già nei primi tempi, per una felice coincidenza, mi fu offerta in vendita una casa a San Martino, quella con le colonne. Io l’ho comprato, Maria non l’ha nemmeno guardato. Ho pensato che potremmo ristrutturarla un po’ vicino alla scuola.

Maria: Negli ultimi tre anni abbiamo avuto tre maestri assolutamente fantastici, con i quali abbiamo vissuto anche noi, è stato abbastanza bello. Poi hanno trovato lavoro a Saluzzo e a Cuneo, uno ha iniziato a studiare a Cremona. Avremmo dovuto cercare nuovi insegnanti, oltre ai problemi latenti con gli alberghi – eravamo stufi. Dal punto di vista finanziario, la scuola era sufficiente per la vita, ma non per le riserve. Così nel 1988 abbiamo deciso di fare qualcosa di nuovo a San Martino molto rapidamente. Stavamo invecchiando, io avevo 42 anni all’epoca e Andrea 38. Stava anche diventando chiaro che sarebbero sopravvissute solo quelle scuole di lingue alternative che si erano espanse. Non lo volevamo affatto.

Cosa volevamo?

Maria: Volevamo fare qualcosa di più piccolo (ride), e meno lavoro (entrambi ridono). Completamente ingenuo. Così è nata l’idea del Centro Culturale Borgata. La nostra scuola di lingue si chiamava già Borgata. Grazie a Dio abbiamo trovato un architetto di Bludenz, Bruno Spagolla, con il quale andavamo molto d’accordo. Abbiamo passato un anno e mezzo a costruire e ristrutturare. Molte cose sono diventate chiare solo nelle discussioni con l’architetto. Volevamo essere un luogo d’incontro, e ci vedevamo ancora come mediatori tra la cultura agricola urbana e quella montana. Se si va in vacanza da qualche parte e si impara molto sulla zona, si vede di più e ci si sente meno persi. Oltre a questo, in modo piuttosto egoistico, ci siamo sentiti bene. Così abbiamo iniziato nel luglio 1990.

Voi vi chiamate Centro Culturale. Qual è la vostra ambizione?

Andrea: Vogliamo fare cose che hanno a che fare con il territorio e non con il 300° seminario di tamburi. Nelle nostre settimane di escursioni ci occupiamo della zona e delle persone in modo simile a quello che facevamo nella scuola di lingue. Organizziamo anche un piccolo concerto o una mostra. Perché gli abitanti delle città non dovrebbero venire in campagna a vedere qualcosa? Molto di quello che vorremmo fare, però, si perde nelle cose di tutti i giorni. Dovrebbero esserci più persone, ma più persone non potrebbero viverci.

Il suo rapporto con la gente del posto è cambiato?

Maria: A San Martino abbiamo trovato una sorta di amicizia con persone della zona, soprattutto giovani, perché facevamo le cose insieme, pulivamo i sentieri, facevamo feste o facevamo progetti.

Andrea: Abbiamo avuto ancora pochi contatti con la nostra generazione. Quelli che erano lì vivevano in modo molto diverso. Il modo in cui gli uomini parlavano delle donne nei pub era terribilmente noioso. I più giovani vivevano per lo più a Torino o erano più politicamente consapevoli, si poteva discutere con loro. Così si è formato un tipo speciale di amicizie durature. Neanch’io vorrei mai allontanarmi per questo motivo. Anche se – non abbiamo trovato nessuna vera amicizia. Non c’è nessun gruppo nella valle a cui ci sentiamo pienamente legati, per esempio persone con cui possiamo parlare di esperienze comuni, anche di lavoro politico.

Che ruolo ha avuto il progetto Mairaweg?

Andrea: Il progetto è iniziato quasi in contemporanea con il Centro Culturale Borgata, che ci ha fatto molto piacere. Le amicizie si sono formate in parte in questo contesto. Inoltre, c’era l’interesse pratico a prendersi cura del Sentiero Maira. Per un post tappa, gli escursionisti sono un’importante fonte di reddito, anche se nessuno può vivere esclusivamente di questo.

Maria: Molti vengono sulla Mairaweg fino a noi, perché sanno che con noi si può parlare di nuovo in tedesco e c’è un servizio, che forse non è disponibile altrove. Da noi poi vanno a Celle di Macra e Castelmagno o più a valle e attraverso la Gardetta fino a Pontebernardo o anche da noi verso nord in Val Varaita e forse intorno al Monviso. Altri vengono da lì fino a noi e poi escono dalla valle sul sentiero Maira.

Cosa fa la Comunità montana per il turismo?

Andrea: Negli ultimi quattro o cinque anni, purtroppo, praticamente nulla. Probabilmente stanno facendo qualcosa per l’agricoltura, che è la loro più grande clientela. La Comunità montana dovrebbe sostenere le iniziative esistenti, come la promozione del Sentiero Maira o di una Posto tappa, che non è così ben collegata.

Ci interessa la storia del ritorno e dell’immigrazione.

Maria e Andrea: Matteo e Virginia Laugero sono tornati a Palent prima di noi. Come immigrati eravamo gli unici all’inizio, e come non italiani siamo rimasti quasi gli unici. Gli altri immigrati provenivano da Torino o dalla pianura, tra cui quelli di Lou Sarvanot e Ortica, quelli di Codirosso e, più recentemente, quelli di Gentil Locanda. Altri rimpatriati o immigrati tengono pecore o cavalli, hanno una piccola impresa di costruzioni, lavorano come architetti o come falegnami. Dal 1980, forse da venti a trenta persone si sono trasferite nella valle. Per la Val Maira è un numero sorprendente, soprattutto per le persone attive. Ma ci sono solo tre bambini tra loro.

Com’è la situazione della scuola?

Maria: In fondo, è un bene perché c’è una scuola per quattro o più studenti. Se ci sono bambini in vista, un solo allievo è sufficiente per il momento. A Elva hanno avuto un solo allievo per molto tempo. Ma la questione della scuola è già un ostacolo al trasferimento o alla permanenza. A Elva la gente si allontana perché i bambini vogliono giocare con altre persone. Una famiglia si è allontanata da San Martino perché non è senza problemi portare il bambino alla scuola elementare in inverno. Elva viene sgomberata da San Martino solo il sabato/domenica, e l’aratro del piano di sotto a volte è con noi solo alle nove e mezza. La Scuola mediatica è centrale a Stroppo. L’unica scuola secondaria è la scuola alberghiera di Dronero.

Andrea: Purtroppo qui non c’è stata l’era hippie, quando la gente si è trasferita in campagna. In Francia, invece, proprio dietro il Colle di Tenda, in una valle si sono insediati dei matti tedeschi con tanti bambini. Hanno pecore, fanno il formaggio e sono anche politicamente coinvolti. Quando Jean-Marie Le Pen ha voluto fare un discorso elettorale, hanno bloccato la piattaforma di atterraggio dell’elicottero. Non abbiamo mai avuto niente del genere.

Come vede il futuro?

Andrea: In realtà dovremmo essere pessimisti, sta succedendo troppo poco. Tuttavia sono ottimista. Con l’aumento della disoccupazione e della meccanizzazione, la pressione per lasciare la città diventerà maggiore per molti. Così gli spazi aperti dell’Europa centrale saranno ripopolati. La Val Maira o le valli dell’entroterra ligure potrebbero ancora dare lavoro e pane a molte persone: nell’agricoltura, nel turismo, nelle nicchie.

Maria: Ma ci vuole un tempo incredibilmente lungo. Il Montafon, che conosco da quasi quanto la Val Maira, è cambiato incredibilmente in quel periodo, ha anche accumulato molta ricchezza. E qui stiamo parlando di due dozzine di immigrati. Sono ottimista, ma ci vorrà un tempo folle. Muoiono ancora più persone di quante ne muoiano entrando. Non abbiamo ancora toccato il fondo.

Poscritto: Pur essendo straniero, Andrea è stato eletto nel 1999 nel consiglio comunale di Stroppo – una prima volta in tutta la regione Piemonte. Nel 2002 è stato inaugurato il nuovo ampio ristorante a San Martino. Il 7 marzo 2004, Andrea Schneider, che soffriva da anni di problemi cardiaci, si è addormentato per sempre durante un soggiorno in un centro di cura in Algovia. Da allora Maria Schneider ha continuato a gestire il Centro Culturale con un team di giovani dedicati.

L’11 novembre 2005 è stata inaugurata a San Martino una targa commemorativa alla presenza di tutti i vip politici della valle, che ricorda i grandi servizi di Andrea Schneider per lo sviluppo turistico della zona. Da alcuni anni il Centro Culturale Borgata e la Fondazione Salecina di Maloja (Engadina/Bregaglia, vedi www.salecina.ch) collaborano in qualche modo.

(Fonte: Antipasti und Alte Wege. Valle Maira – Wandern im andern Piemont, 5.Auflage, 2004)